Il blog del Babbuino 

Barbabietole: come rivalutare le rape rosse in 3 facili ricette

May 22, 2019

 

 “Mangia le rape rosse che ti fanno bene!” sentite ancora l'eco della mamma che ve lo diceva da bambini? Dopo i cavoletti di Bruxelles a quanto pare ci sto prendendo gusto a cucinare verdure con una “cattiva” reputazione e trovare delle ricette nuove con cui valorizzarle.

Questa volta la sfida non era semplice, sì perché le rape rosse sono nella lista nera di Marco, letteralmente le odia. Per cui dopo un piccolo sondaggio con chi ci segue sui social, ho fatto qualche ricerca e alla fine sono arrivata a provare 3 ricette che incredibilmente sono risultate tutte molto buone e  grazie al colore rosso/rosa della rapa anche molto scenografiche.

 

 

Hummus di rapa rossa

 

Questa semplicissima ricetta altro non è che una variante del normale hummus di ceci, dove una parte dei ceci viene sostituita dalla rapa rossa. Ho apportato un mio tocco personale (che ultimamente utilizzo di norma anche quando faccio l'hummus tradizionale) ossia ho sostituito la tahina con due cucchiai di semi di sesamo ben tostati in padella e poi tritati nel mixer con gli altri ingredienti.

 

 

Ingredienti:

300g ceci

1 rapa rossa lessata

2 cucchiai di semi di sesamo ben tostati in padella

succo di mezzo limone

2 cucchiai di olio d'oliva

5-6 ceci interi e semi di sesamo per guarnire

 

Mettete tutti gli ingredienti nel mixer (tranne il prezzemolo) e frullate bene sino ad ottenere una crema liscia ed omogenea, se necessario aggiungere dell'acqua di cottura delle rape. Prima di servire guarnite con un ulteriore filo d'olio, i ceci tenuti da parte e semini di sesamo.

 

 

Spaghetti di barbabietola:

 

 

In questa ricetta oltre ad utilizzare le rape rosse ho cercato un modo per adoperarne anche i gambi. Ovviamente non sempre le rape rosse vengono vendute anche col gambo, quindi in caso non li trovaste, per avere un risultato simile potete sostituirli con una costa di sedano, oppure con un gambo di bietola senza foglie.

 

 

 

Ingredienti:

1 rapa rossa

100 g robiola

olio d'oliva q.b.

Gambi di rapa

erba cipollina per guarnire

1 spicchio di aglio nero

 

Tagliare la rapa con un temperino per verdure (quegli arnesi che permettono di affettare le verdure per ottenerne dei lunghi fili, ce ne sono di diversi tipi in vendita), buttate i fili così ottenuti in acqua bollente salata e cuoceteli come una pasta per circa 7-8 minuti (assaggiatela sino al raggiungimento della consistenza desiderata). Prendete i gambi e dopo averli tagliati a rettangolini e averli lessati con le rape, saltateli in padella con un filo d'olio e uno spicchio di aglio nero tagliato sottile (se non avete l'aglio nero sostituitelo a piacere con aglio normale o 1/4 di cipolla). Nel frattempo stemperate la robiola con un pochino di acqua di cottura, l'olio, sale e pepe e quando saranno pronti aggiungete i gambi. Scolate le rape e versatele nella salsa, amalgamate bene gli ingredienti e decorate con qualche filo di erba cipollina prima di servire.

 

 

 

Šaltibarščiai ossia la zuppa fuxia lituana da servire fredda

 

Questa zuppa da servire fredda (o al massimo tiepidina...) è veramente molto scenografica, oseri definirla estremamente instagrammabile!

Si potrebbe definire il Gazpacho dell'est Europa, il sapore è incredibilmente piacevole ed è ricca di vitamine e sali minerali. Anche in questo caso rispetto alla ricetta tradizionale ho fatto alcune variazioni personali: in primis ho frullato tutto col mixer invece di grattugiare gli ingredienti, in secondo luogo ho saltato il cipollotto in padella per pochi minuti (per renderlo più digeribile) invece che usarlo crudo, ed infine ho messo 3/4 dei cetrioli nel mixer in modo che si frullassero col resto degli ingredienti ed 1/4 li ho fatti a piccoli cubetti per avere qualcosa da “masticare” dentro la zuppa.

 

Ingredienti:

2 rape rosse lesse

1litro di kefir

2 cetrioli medi

3 cipollotti freschi

3 uova

il succo di 1/2 limone

finocchietto selvatico per guarnire (la ricetta prevedeva l'aneto)

 

Mondare i cetrioli e suddividerli come spiegato sopra (1 e mezzo andrà frullato, il restante 1/2 andrà tritato a cubetti), pulire i cipollotti e tagliarli a fettine sottili che andrete a saltare in padella con un filo d'olio sino a quando saranno dorati. Lessare le uova e farle freddare bene per sbucciarle. Mettere nel mixer la rapa lessa tagliata a cubetti, 3/4 dei cetrioli, i cipollotti, il succo di limone e le uova sode. Frullare bene il composto così ottenuto, aggiungere il kefir ed il restante cetriolo, mescolare bene e regolare di sale e pepe. Prima di servire decorare con finocchietto selvatico.

 

 

Queste ricette a base di rapa sono state davvero una piacevolissima scoperta, fin'ora avevo sempre mangiato le barbabietole lesse e condite con olio, sale e limone (o avevo fatto delle chips, molto buone ma un po' riduttive come piatto), cucinate in questi modi sono state una rivelazione!

 

Insomma il viaggio verso gli ingredienti da rivalutare sta portando ottimi frutti...Quindi, quale sarà il prossimo? Ovviamente si accettano suggerimenti!

Please reload

Ti e' piaciuto l'articolo? Condividilo sui social

CHI SIAMO

Marco e Beatrice 

conosci i Babbuini

Amanti della buona cucina, dei viaggi e della vita. Ci trovate a Verona o in giro per il mondo.

Per info e collaborazioni: ilbabbuinoghiotto@gmail.com

Categoria
Categoria
Leggi i post consigliati
Please reload

Partnership
La gazzetta del gusto - logo

Vuoi scrivere un

GUEST POST sul Babbuino Ghiotto?

Post recenti

November 15, 2019

Please reload

Seguici sui social
  • Facebook Babbuino Ghiotto
  • INSTAGRAM: babbuino ghiotto

Disclaimer & ©Copyright

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Tutti i diritti relativi a foto, testi, immagini e grafica presenti in questo blog, sono esclusiva proprietà di Marco Olivieri e Beatrice Perbellini. In quanto “opera dell’ingegno a carattere creativo”, questo blog è protetto dal diritto d’autore, ai sensi della legge 22/ n. 633. L’eventuale utilizzo dei contenuti dovrà essere espressamente autorizzato dagli autori e dovrà contenere il link di rimando a questo blog.