Il blog del Babbuino 

Cucina indonesiana: Sup Jamur Zuppa di funghi e verdure

February 28, 2020

Ci siamo portati a casa questa ricetta indonesiana dopo il nostro viaggio di nozze durante il quale abbiamo frequentato un corso di cucina locale. Fresca, leggera, facilissima da preparare e con un tocco asiatico. Per prepararla vi occorreranno i funghi e ovviamente potrete decidere di utilizzare dei normali funghi nostrani (magari gli champignon dalla consistenza soda e dal sapore non troppo forte) ma se per caso voleste avventurarvi ad utilizzare dei fughi asiatici eccone 3 tipologie decisamente particolari e che si possono reperire in Italia (nei supermercati cinesi ben forniti ma anche nella nostra grande distribuzione).

 

Funghi Shiitake: originari dal Giappone, in giapponese shiitake vuol dire “fungo della quercia” che indica chiaramente dove questi funghi crescano in natura, oggi in realtà gli shiitake in commercio provengono da coltivazione. Gli shiitake freschi sono contraddistinti da un leggero sapore e aroma legnoso, quelli secchi presentano intensificate le stesse caratteristiche. Si trovano in alcuni supermercati forniti e ovviamente nei negozi di alimentari etnici.

 

Maitake (o grifola frondosa): Sempre di origini giapponesi questo fungo viene ampliamene utilizzato anche in campo medicinale per la sua capacità di rafforzare le difese immunitarie e regolare la glicemia. Hanno la caratteristica di crescere ammassati, in qualche modo la loro forma ricorda quella di una testa di cavolo. Il loro aroma è terroso ed il sapore selvatico.

 

 

Orecchie di Giuda: estremamente diffusi ed amati in Cina, hanno un sapore dolciastro ed una caratteristica consistenza cartilaginea. Ricchi di vitamine e minerali questi funghi curativi sono molto utilizzati nella medicina tradizionale cinese, specialmente per combattere la stanchezza. Per quanto riguarda il sapore, essendo molto particolari non piacciono a tutti.

 

 

Oyster – funghi ostrica: Utilizzatissimi in molte ricette asiatiche, questi funghi dal sapore delicato sono particolarmente indicati per zuppe e piatti saltati in padella. Crescono solitamente sul fianco degli alberi ma vengono anche coltivati.

Esistono anche nella variante King Oyster più spessi e grandi di quelli normali.

 

Veniamo ora alla ricetta della nostra zuppa indonesiana, noi abbiamo utilizzato i funghi freschi ma potete tranquillamente utilizzare i funghi secchi avendo l'accortezza di lasciarli a bagno in acqua tiepida per circa 20 minuti. La cucina indonesiana come sapete è molto connessa sia alla cucina cinese che a quella malese, questa ricetta infatti si può trovare in diverse varianti anche in questi paesi. La presenza del limone e del lime assieme ad una nota piccante, garantiscono a questa ricetta indonesiana quel tipico profumo asiatico che chi ha viaggiato per questi luoghi sicuramente riconoscerà. Nella nostra versione col brodo vegetale la ricetta è completamente vegetariana (anzi vegana) ma se preferite potete utilizzare il brodo di pollo.

 

Zuppa di funghi indonesiana ricetta:

 

Ingredienti per 4 persone:

-2 tazze di funghi (la prima scelta potrebbero essere gli Oyster ma possono essere sostituiti a piacere)

-1 carota piccola

mezza tazza di tegoline pulite e tagliate a metà

-2 spicchi di aglio (se volete seguire la ricetta originale mettetene 5)

-5 scalogni piccoli

-1 limone

-5 foglie di lime (le vendono sempre nei supermercati di alimenti etnici, se non riuscite a trovarle potete mettere la scorza di mezzo lime)

-1 cipollotto fresco

-1 peperoncino piccante

-1 litro di brodo vegetale (o di pollo a seconda delle vostre preferenze)

-Sale e pepe q.b.

-Qualche fettina di scalogno arrostito per decorazione

 

  • Tagliare listarelle i funghi, tritare l'aglio, il cipollotto e lo scalogno (tenete da parte alcune fettine che andrete ad arrostire per guarnizione).
     

  • Tagliare a cubetti la carota, tagliare a metà il peperoncino, rimuoverne i semi e tritarlo.
     

  • Tagliare il limone in quarti
     

  • Soffriggere in un pentolino capiente l'aglio, lo scalogno ed il cipollotto fino a che diventano dorati, aggiungerei funghi ed il peperoncino e continuare a cuocere.
     

  • Versare il brodo e strizzare i limoni per estrarne il succo. Spezzettare le foglie di lime ed aggiungerle alla zuppa (oppure aggiungere la scorza di lime)
     

  • Portare ad ebollizione ed aggiungere la carota e le tegoline
     

  • Aggiustare di sale e pepe
     

  • Cuocere fino a quando le verdure saranno tenere
     

  • Servire calda e guarnire con lo scalogno arrostito

 

Speriamo che questa semplicissima ricetta indonesiana vi sia piaciuta, se amate come noi questo bellissimo paese qui sotto trovate altre ricette da sperimentare a casa, altrimenti visitate la sezione cucina etnica del blog per scoprire altri sapori da tutto il mondo.

 

Cucinare il tempeh 

 

Ricetta del Nasi Goreng Indonesiano 

 

Ricetta del Gado Gado: piatto indonesiano vegetariano 

Please reload

Ti e' piaciuto l'articolo? Condividilo sui social

CHI SIAMO

Marco e Beatrice 

conosci i Babbuini

Amanti della buona cucina, dei viaggi e della vita. Ci trovate a Verona o in giro per il mondo.

Per info e collaborazioni: ilbabbuinoghiotto@gmail.com

Categoria
Categoria
Leggi i post consigliati
Please reload

Partnership
La gazzetta del gusto - logo

Vuoi scrivere un

GUEST POST sul Babbuino Ghiotto?

Post recenti
Please reload

Seguici sui social
  • Facebook Babbuino Ghiotto
  • INSTAGRAM: babbuino ghiotto

Disclaimer & ©Copyright

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Tutti i diritti relativi a foto, testi, immagini e grafica presenti in questo blog, sono esclusiva proprietà di Marco Olivieri e Beatrice Perbellini. In quanto “opera dell’ingegno a carattere creativo”, questo blog è protetto dal diritto d’autore, ai sensi della legge 22/ n. 633. L’eventuale utilizzo dei contenuti dovrà essere espressamente autorizzato dagli autori e dovrà contenere il link di rimando a questo blog.